La Guardia di Finanza ha sequestrato 146 grammi di infiorescenze di marijuana alla stazione di Aosta: fermato un 23enne clandestino

comunicato stampa
La marijuana trovata dalla Guardia di Finanza

Continua senza sosta l'azione delle "Fiamme Gialle" a contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti su tutto il territorio della Valle d'Aosta. Nella serata di giovedì 22 febbraio, alla stazione ferroviaria del capoluogo, è stato allestito un posto di controllo articolato, composto da una pattuglia di finanzieri e da entrambe le unità cinofile in servizio in Valle. All'approssimarsi del treno in stazione, non è sfuggito ai militari della Guardia di Finanza che un individuo, alla vista degli agenti, abbia gettato in un cestino dei rifiuti un involucro a forma di "melanzana".

L'oggetto, successivamente recuperato dai militari, altro non era che l'accurata confezione di 146 grammi di infiorescenze di marijuana. Accompagnato presso gli uffici del Gruppo Aosta, il fermato è risultato essere un cittadino ventitreenne del Gambia (Samba Danjo, n.d.r.), irregolare in Italia, già con precedenti per delitti legati agli stupefacenti ed arrestato soli quattro giorni fa a Milano, per lo stesso tipo di reato. Sottoposto a perquisizione personale, sono stati rinvenuti altri tre grammi di marjuana ed un telefono cellulare.

Sul territorio italiano già da tempo, aveva il permesso di soggiorno scaduto ed almeno due provvedimenti di carcerazione per reati legati agli stupefacenti. Sentito il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Aosta, dottor Luca Ceccanti, considerate le circostanze, il quantitativo di sostanza, i precedenti specifici e lo stato di clandestinità, il fermato è stato arrestato e tenuto a disposizione per l'udienza "per direttissima", programmata nella mattinata di venerdì 23 febbraio (il processo è stato rinviato al 15 marzo, n.d.r.).

Solo qualche giorno fa, in occasione della riunione della terza Commissione consiliare del Comune di Aosta, riunitasi per discutere di disagi e devianza giovanile, oltre che di cyberbullismo, le "Fiamme Gialle" valdostane, invitate a far parte del relativo tavolo di lavoro, hanno riconfermato il fermo impegno ad agire sia sul fronte della prevenzione dell'uso di sostanze stupefacenti, attraverso l'educazione alla legalità rivolta anche ai giovanissimi, sia nella fase repressiva, con controlli sempre più serrati volti ad incidere significativamente su domanda ed offerta di narcotici.

La Terra vista dallo spazio