Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

E' morto Robert Miles: la sua "Children" aveva portato i panorami della Valle d'Aosta in tutto il mondo

Angelo Musumarra
Robert Miles alla consolle

Roberto Concina, in arte Robert Miles, è morto ad Ibiza martedì 9 maggio, all'età di 47 anni, dopo una battaglia contro un tumore: nel video di "Children", il brano strumentale che nel 1996 lo aveva fatto conoscere in tutto il mondo, vendendo oltre cinque milioni di copie, che aveva inventato la musica "trance", c'erano numerose immagini della Valle d'Aosta, in particolare della Valdigne.
Nel video, diretto da Elizabeth Bailey, che racconta il viaggio in auto di una bambina che guarda dal finestrino, scorre un mondo e, tra le varie immagini, oltre a Parigi ed alla Svizzera, c'è anche la Valle d'Aosta, a partire dal panorama della Valdigne da Entrèves, con Pré-Saint-Didier, Morgex ed alcuni fotogrammi di Aosta.

Nato in Svizzera da due emigrati italiani, era poi tornato in Italia con la famiglia, in Friuli-Venezia-Giulia, dove, dopo aver studiato pianoforte per diversi anni, aveva cominciato l'attività musicale con il primo pseudonimo di Roberto Milani, fondando un'emittente radiofonica amatoriale, per poi trasferirsi a Londra, Los Angeles, Berlino ed a Ibiza, dove viveva da anni ed aveva creato, nel 2013, "Open lab", una nuova radio, ma anche un locale dove, insieme ad altri colleghi, dava spazio alla musica ed all'arte innovativa: "è con enorme dispiacere che diciamo addio a Roberto Concina, conosciuto come Robert Miles - hanno scritto su "Facebook" i responsabili di "Open lab" - Robert è morto in maniera pacifica la scorsa notte, dopo una battaglia coraggiosa, combattuta nei nove mesi scorsi, con un cancro al quarto stadio. In tutto questo tempo è stato forte, determinato, incredibilmente coraggioso e ha fatto tutto ciò che era in suo potere per combattere questa orrenda malattia. Robert era qualcosa in più di un semplice artista, è stato un pioniere, un creatore, un'ispirazione, un figlio, un padre e un nostro amico. Unitevi a noi nel mandare i nostri pensieri, il nostro amore alla famiglia e alla figlia, che per lui erano tutto".

Numerosi i tributi ed i ricordi dei colleghi, da Joe T. Vannelli a Mario Fargetta, tra cui spicca quello di Armin Van Bureen, probabilmente il più famoso disc-jockey del mondo che, nella sua trasmissione "A state of Trance", in onda contemporaneamente in quaranta Paesi dal 2001 e con oltre trenta milioni di ascoltatori stimati, ha trasmesso lo scorso 18 maggio la prima versione di "Children": «avrei dovuto fare questo la scorsa settimana - ha raccontato al microfono - ma la notizia ci era arrivata troppo tardi perché potessimo fare qualcosa. Robert Miles è mancato così presto e questo è molto, molto triste. La sua musica ha significato molto per me personalmente, non solo la traccia che sto per suonare ma anche il resto della sua produzione. Auguro una grande forza alla sua famiglia e in dedica a Robert Miles, ecco qui il suo grande successo».


Il video ufficiale di "Children" di Robert Miles, del 1996.

ultimo aggiornamento: 
Venerdì 19 Maggio '17, h.11.10

timeline