Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Due "passeur" turchi arrestati al Traforo del Monte Bianco mentre cercano di portare in Francia quattro connazionali senza documenti

redazione 12vda.it
L'ingresso italiano del Traforo del Monte Bianco

Onur Ozer, di trent'anni ed Hasan Erdogan, di 42 anni, entrambi cittadini turchi, sono stati arrestati dalla Polizia di Stato, in servizio presso il Traforo del Monte Bianco, nella mattinata di sabato 23 marzo, accusati di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.
Gli agenti, in servizio presso la Sottosezione Polizia di Frontiera, hanno effettuato il controllo di un'autovettura "Peugeot 307" con targa francese diretta verso la Francia. A bordo dell'auto viaggiavano i due arrestati, uno dei quali alla guida, ed altri quattro cittadini turchi. Gli accertamenti effettuati hanno evidenziato che i quattro trasportati non erano in possesso di documenti validi per l'ingresso nello Stato francese ed erano in posizione di irregolarità in territorio italiano. Durante le perquisizioni personali eseguite sono state rinvenute alcune ricevute di pagamento in denaro effettuate dai quattro trasportati in favore dell'autista, probabile corrispettivo del trasporto.

I due arrestati sono stati posti in stato di fermo e sono stati giudicati, nella mattinata di lunedì 25 marzo, con rito direttissimo dal giudice Davide Paladino, presso il Tribunale di Aosta, dove hanno patteggiato due anni di reclusione e 67mila euro di multa, con la confisca della "Peugeot" con la quale hanno tentato di arrivare in Francia.

timeline

podcast "listening"