Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

I risultati dei valdostani ai Campionati assoluti di atletica leggera su pista di Bressanone

comunicato stampa

Per crescere è certamente meglio accettare la sfida impossibile e andare a confrontarsi con i più forti, piuttosto che proporsi fenomeni nel “cortile di casa”. E’ quello che hanno fatto i migliori ragazzi dell’atletica valdostana che nell’ultimo weekend di luglio hanno corso, saltato e lanciato a Bressanone dove si sono tenuti i campionati italiani assoluti su pista.

Ottenuto il severo minimo di partecipazione. Un solo miglioramento, quello ottenuto da Omar Bouamer (S.Orso) che si è migliorato portando il proprio personal best sui 5000 metri a 14’24”90, prestazione che gli ha garantito l’11esimo posto finale, facendo meglio del 14’28”92 ottenuto a metà maggio a Torino. Nella stessa gara, presente anche il valdostano della Pro Patria Milano René Cuneaz che ha concluso i 12 giri e mezzo in 15esima posizione con 14’36”67. 11esima posizione per la triplista del Pont Donnas, quest’anno in prestito alla Firenze Marathon, Corinne Challancin, prima delle escluse dalla finale, per soli 3cm, con un miglior salto a 12m22.

Eleonora Marchiando (Calvesi) è tornata a gareggiare dopo oltre tre mesi di stop, optando per un meno impegnativo 400, rispetto ai suoi 400hs, chiudendo al 27esimo posto con 57”11. Troppo ravvicinata la prova dei tricolori assoluti rispetto agli europei under 20 di Boras per Eleonora Foudraz che, presente a Bressanone, ha optato per un prudenziale riposo. Proveniente da un infortunio, rottura del polso durante la gara dei 110hs del Meeting Calvesi, si è piazzato 14esimo Seyni Faye (Cogne), che per la prima volta si è confrontato in un tricolore assoluto nella gara dei 110hs dove ha concluso 14esimo con 15”42. Restando agli ostacoli, sempre al maschile, ma sul giro di pista, il duo Calvesi Jean-Marie Robbin e Joao Carlos Pina Barros, rispettivamente 12esimo con 53”62 il primo e 17° con 55”86 il secondo.

E’ incappata in una squalifica la staffetta 4x400 maschile della Calvesi, mentre non ha preso il via quella femminile. Data per iscritta, ma non al via Catherine Bertone, anche lei in forza alla Calvesi che, ancora una volta, si è arresa nella sua ripetuta “lotta” nel gestire turni in ospedale e impegni agonistici. Presenti nella massima competizione tricolore su pista, Mattia Rodà Savoini (Calvesi) 23esimo sugli 800 metri con 1’54”30; 24esima Florencia Mazzarello (Pont Donnas) nel lancio del disco con 37m50 e 15esimo, nei 5000 metri, con i colori della Pro Patria Milano René Cuneaz


Risultati
400mt Femminile
27° Eleonora Marchiando (Calvesi) 57”11

800mt Maschile
23° Mattia Rodà Savoini (Calvesi) 1’54”30

Disco Femminile
24° Florencia Mazzarello (Pont Donnas) 37m50

400hs Maschile
12° Jean-Marie Robbin (Calvesi) 53”62
17° Joao Carlos Pina Barros (Calvesi) 55”86

110hs Maschile
14° Seyni Faye (Cogne) 15”42

5000mt Maschile
11° Omar Bouamer (S.Orso) 14’24”90 – primato personale
15° René Cuneaz (Pro Patria Milano) 14’36”67

Triplo Femminile
11a Corinne Challancin (Firenze Marathon) 12m22

4x400 Maschile
Calvesi (Niccolò Beneforti, Joao Carlos Pina Barros, Jean-Marie Robbin, Mattia Rodà Savoini) squalificata

podcast "listening"