Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Il "Movimento Cinque Stelle" è stato il primo a presentare le firme ed i ventotto candidati per le regionali, dopo ventisette ore di presidio davanti al Tribunale di Aosta

redazione 12vda.it
Attivisti del 'Movimento Cinque Stelle' e della Lega davanti al Tribunale di Aosta

E' stato il "Movimento Cinque Stelle" della Valle d'Aosta il primo a varcare la soglia del Tribunale di Aosta, pochi minuti dopo le ore 8 di domenica 15 aprile, per depositare le 1.453 firme raccolte e la lista dei ventotto candidati alle elezioni regionali del prossimo 20 maggio e, dopo di loro, i responsabili della Lega: entrambi i movimenti, non presenti in Consiglio Valle, hanno presidiato l'ingresso di Palazzo di giustizia (i "grillini" si sono piazzati davanti al portone già alle cinque del mattino di sabato 14, alternandosi in una staffetta durata oltre ventisette ore) per essere i primi a presentarsi, così da "bloccare" le firme raccolte, dato che, in caso di doppia firma vale solo quella presentata per prima.

La lista del "Movimento Cinque Stelle", nel 2013 aveva raccolto 4.773 voti, pari al 6,62 per cento, eleggendo due consiglieri regionali, Stefano Ferrero e Roberto Cognetta, che hanno abbandonato il partito dopo che, alle recenti elezioni politiche dello scorso aprile, i "grillini" hanno conquistato, con 15.999 voti, pari al 24,11 per cento delle preferenze, il seggio valdostano alla Camera dei deputati, mandando a Montecitorio la prima parlamentare donna della Valle d'Aosta, la 31enne Elisa Tripodi, mentre al Senato si sono fermati al secondo posto, con 14,398 voti, pari al 23,25 per cento delle preferenze.

Il capolista è proprio il candidato senatore, Luciano Mossa di Aosta, finanziere, quindi Luigi Vesan di Châtillon, architetto e dipendente regionale (fratello di Marco Vesan, sindaco di Chambave, esponente della Stella Alpina), Maria Luisa Russo, dipendente di una cooperativa sociale, Francesco Fazari di Nus, dirigente dell'Istituzione scolastica "Mont Emilius 1", Andrea Dallago di Aosta, coordinatore del "Meetup" del capoluogo regionale, Federica Livio di Aosta, commerciante del capoluogo ed attivista dei "free vax" valdostani, Gianni Maggioni di Sarre, pasticciere, Cristina Cosentino di Aosta, dipendente regionale e perito agrario, Massimiliano Alì di Aosta, dipendente della "Agenzia delle Entrate", Manuela Nasso di Aosta, insegnante, Luca Melloni di Aosta, animatore radiofonico, Giuliana Rosso di Aosta, impiegata, Daniele Cucinotta di Aosta, dipendente di una catena di elettronica al consumo, Nicola Pepe di Aosta, cuoco, Erik Mangione di Aosta, tecnico presso la partecipata comunale "Aps" del Comune di Aosta, Jean-Paul Dal Monte di Aosta, attore ed insegnante di inglese, Stefano Tornago di Saint-Vincent, grafico e dipendente di una catena di elettronica al consumo, Osvaldo Béthaz di Aosta, dipendente dell'Azienda Usl, Massimo Pica di Aosta, croupier in pensione, Giovanna Ravazzini di Sarre, ristoratrice, Corrado Rossi, cameriere, Edvige Tavone di Aosta, dirigente medico al "Pronto soccorso" dell'ospedale "Parini", Simona Villan di Aosta, fisioterapista ed operatrice del servizio "Pronto Mamy", Dante Desaymonet di Cogne, dipendente comunale, Emanuele Marchionne di Aosta, geometra "Anas", Paolo Carotenuto di Aosta, funzionario "Anas", Vanessa Patrizi, dipendente regionale, e Dina Ballerini.

Nella lista, che presenta 18 uomini e 10 donne, non c'è nessun candidato delle regionali del 2013 e quattro (Mossa, Ravazzini, Maggioni e Ballerini) si erano presentati alle elezioni comunali del 2015.
 

ultimo aggiornamento: 
Martedì 17 Aprile '18, h.20.30