Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Lega, Mouv' e "Valle d'Aosta che cresce": «una vittoria per la democrazia»

comunicato stampa

Nella mattina di mercoledì 24 luglio, nell’aula del Consiglio regionale, i gruppi Lega Vallée d’Aoste, Mouv’ e il consigliere Restano hanno depositato 2900 emendamenti, di cui 900 sulla variazione di bilancio, 1400 sulla legge sulla mobilità sostenibile e 600 sulla legge relativa ai segretari comunali.
"Una azione che si è resa necessaria - dichiarano in una nota congiunta i consiglieri regionali di opposizione - per sottolineare una volta di più il comportamento antidemocratico e lo svilimento del ruolo del Consiglio regionale messi in atto da questa maggioranza. Già nei giorni scorsi, i tre gruppi avevano denunciato più volte i metodi dittatoriali di questa maggioranza “depotenziata” che, pur di accontentare i consiglieri Bertin e Minelli nuovi alleati di Governo diretti dall’ex Consigliere Riccarand, ha letteralmente “scaricato” in ’Aula cinque provvedimenti legislativi senza aver fatto gli opportuni approfondimenti nelle Commissioni competenti".



"Un metodo questo che svilisce il lavoro dei Consiglieri e delle Commissioni stesse - continua la nota - I tre gruppi hanno così risposto a questi atti di imperio, che non potevano in alcun modo essere condivisi. Dopo una mattinata di confronto e discussione due disegni di legge, uno sulla “mobilità sostenibile” e l’altro sui “segretari comunali”, sono stati ritirati per i dovuti approfondimenti nelle Commissioni competenti.
Per risolvere le urgenze in materia di nomine dei segretari comunali, i tre gruppi hanno anche predisposto un emendamento da inserire nel collegato della variazione di bilancio. Quella di oggi è stata, a tutti gli effetti una grande vittoria per la democrazia. La democrazia si fonda su delle regole ben precise e se queste regole vengono violate allora non si può più parlare di democrazia. L’urgenza dei provvedimenti non deve perciò essere dettata da “contentini” da dare all’alleato di Governo di turno".

podcast "listening"