Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

A Pont-St-Martin l'inaugurazione dell'anno scolastico 2019/2020: «la scuola torna ad avere un ruolo determinante per i nostri ragazzi» sottolinea la Certan

comunicato stampa
Chantal Certan

In occasione dell’apertura dell’anno scolastico 2019/2020, giovedì 12 settembre 2019, alle ore 9.15, presso la scuola primaria di Pont-Saint-Martin, l’Assessora regionale, Chantal Certan, e il Sindaco del Comune di Pont-Saint-Martin, Marco Sucquet, porteranno i saluti ufficiali agli alunni per l’apertura dell’anno scolastico.

Alle ore 11, la cerimonia proseguirà a Gressoney-La-Trinité dove, alla presenza dell’Assessora Chantal Certan e del Sindaco del Comune Gressoney-La-Trinité, Alessandro Girod, verrà presentata la prima scuola biofilica d’Italia (programma Nuova Architettura Sensibile Alpina condotto dall’Università della Valle d’Aosta in risposta al Bando Unità di Ricerca della Regione autonoma Valle d’Aosta).

Il messaggio dell’Assessora Chantal Certan: «In un momento in cui vengono, sempre di più, messi in discussione i valori ‘’primi’’ alla base dello sviluppo e della convivenza dell’essere umano, la scuola torna ad avere un ruolo e un peso davvero determinante per la crescita dei nostri ragazzi. E’ questo, il nostro, un periodo storico in cui i giovani fanno fatica a trovare esempi di comportamenti virtuosi, da seguire. E la scuola torna ad essere per loro un punto di riferimento. E’ attorno a questo concetto che voglio articolare il mio messaggio di avvio di anno scolastico: la scuola c’è ed è luogo, per i nostri ragazzi, dove trovare stimoli e occasioni per sviluppare i propri talenti. E sono i talenti che devono essere coltivati e spronati, in quel cammino di saperi, di confronto, di scoperta e di dialogo che deve essere la scuola. E sono questi talenti che gli insegnanti, con professionalità, devono saper far emergere e coltivare, affinché siano l’energia per la prossima Valle d’Aosta. Per questo è importante lavorare insieme, garantendo a ogni alunno la possibilità di trovare compagni, insegnanti, genitori e personale scolastico che possano offrirgli le migliori opportunità e condizioni per mettersi in gioco e trovare all’interno della propria classe quello spazio ideale per essere se stesso e crescere con gioia. Il mio augurio, per i ragazzi, è quindi quello di scoprire e di coltivare i propri talenti. Mentre ai docenti voglio dire: lasciate emergere questi talenti, cercate le tante inclinazioni e le passioni dei bimbi che si avvicinano per la prima volta alla scuola, rispettate i loro tempi, riconoscete le competenze e le capacità dei ragazzi che stanno proseguendo il loro percorso educativo e formativo, senza dimenticare l’importanza dei rapporti umani e dei valori dell’accoglienza, dell’ascolto e soprattutto della fiducia. Così come ai genitori voglio dire: affidate alla scuola i vostri figli perché in essa ogni famiglia può trovare un valido alleato per affrontare il difficile ruolo di mamma e di papà. Che sia scuola di vita! Per tutti! Buon anno scolastico».

podcast "listening"