Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

A Quincinetto riunione per definire le procedure duranti i lavori per la messa in sicurezza della frana in località Chiappetti

comunicato stampa
La strada chiusa per la frana

Si è svolta nella mattinata di giovedì 31 ottobre, una riunione convocata dal Dipartimento nazionale di Protezione civile per l'analisi della frana in località Chiappetti nel Comune di Quincinetto.

Per la Regione autonoma Valle d'Aosta erano presenti l'assessore ai Trasporti Luigi Bertschy, il capo della Protezione civile Pio Porretta e la dirigente del Centro funzionale Sara Ratto. Per la Regione Piemonte l'assessore ai Trasporti Marco Gabusi e il direttore Opere pubbliche e Trasporti Luigi Robino.
Nel corso della riunione, alla quale hanno partecipato in collegamento la Regione Piemonte, il Comune di Quincinetto, la Prefettura e la Città Metropolitana di Torino, "Sav" e "Anas", è stato illustrato il progetto di fattibilità commissionato dal Comune di Quincinetto, per valutare i tempi e le modalità di messa in sicurezza della frana.

L'assessore della Regione autonoma Valle d'Aosta, Luigi Bertschy ha sottolineato che «la soluzione del problema va ricercata non solo in funzione dei costi tecnici di realizzazione, ma anche dei costi sociali ed economici che una chiusura prolungata delle vie d'accesso alla Valle d'Aosta può causare. Per noi è impensabile chiudere le vie di accesso regionali per 100 giorni, come peraltro lo stesso Ministero dei Trasporti ha rilevato nel corso della riunione di oggi».
«Venerdì 8 novembre il progetto sarà sottoposto al Comitato Tecnico - ha concluso L'Assessore Bertschy – e in quella sede devono essere definite soluzioni percorribili, accettabili e sostenibili dal punto di vista della viabilità, per garantire l'accesso alla Valle d'Aosta».

L'assessore delle Regione Piemonte, Marco Gabusi, ha evidenziato come «la proposta di viabilità alternativa concordata con la Città metropolitana di Torino vada presa in considerazione non come la panacea di tutti i mali, ma come una soluzione per la situazione di sicurezza che si è venuta a creare a seguito della frana. Stiamo rispondendo ad una situazione emergenziale: i tempi devono perciò essere rapidi e i passaggi devono essere ben coordinati. La condizione di stato di emergenza aiuterebbe a dare affidamenti progettuali per fine febbraio, mentre la parte di intervento richiederebbe due o tre mesi, a seconda di come si svilupperà il progetto esecutivo. Chiaramente per quel tempo la parte di viabilità alternativa deve essere pronta».