Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Tre nuovi cuccioli di San Bernardo all'Ospizio del Colle per farsi ammirare da turisti ed appassionati

redazione 12vda.it

I tre cuccioli di San Bernardo della 'Fondazione Barry' con la mamma Da sabato 11 agosto tre nuovi cuccioli di San Bernardo rallegrano gli ospiti del canile d'altitudine della "Fondazione Barry", e potranno essere ammirati tutti i giorni dalle ore 10 alle 18: i tre teneri batuffoli di pelo, con un bel testone, zamponi enormi, buffe orecchie penzoloni e due occhioni che farebbero sciogliere chiunque, sono gli ultimi arrivati nella famiglia di San Bernardo in soggiorno estivo al colle.

"Falko", "Faris" e "Figaro" sono nati il 6 luglio scorso al canile di Martigny della "Fondazione Barry": «siamo molto felici perché i nuovi cuccioli stanno benissimo - commenta Manuel Gaillard, responsabile dei cani - "Karina", la loro mamma San Bernardo, può dedicarsi a ognuno di loro con grande attenzione dato che sono "solo" in tre. Del resto, questa femmina a pelo lungo ha una certa esperienza, visto che cinque anni è già alla sua terza cucciolata. Le cure materne che "Karina" riversa su questi piccoli birichini saltano all’occhio: pesano già oltre quattro chili, ossia cinque volte di più rispetto agli ottocento grammi della nascita».
«Oltre al latte materno, i piccoli "Barry" inizieranno a ricevere anche delle crocchette per cani
- sottolinea Corinne Evéquoz, guardiana di animali della fondazione - ogni volta è meraviglioso vedere i cuccioli crescere e imparare cose nuove ogni giorno».
Il 10 agosto "Karina" ed i suoi piccoli sono stati trasportati al colle del Gran San Bernardo e dall'11 agosto i visitatori del canile dell'Ospizio possono divertirsi a guardare scorrazzare questi adorabili birichini.