Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Un pakistano espulso a luglio arrestato al Traforo del Monte Bianco

comunicato stampa

Nella giornata del 02 settembre presso il Traforo Monte Bianco, personale della Polizia di Stato ha effettuato il controllo del bus di linea con tratta Parigi-Milano in entrata in territorio nazionale, a bordo del quale era presente A.S., trentaduenne di nazionalità pakistana.
A seguito dei controlli è emerso che lo straniero, già richiedente protezione internazionale (pratica conclusasi con il rigetto della stessa), è destinatario di un provvedimento di espulsione del Prefetto di Bergamo con l’interdizione all’ingresso nel territorio italiano per un periodo di cinque anni decorrenti dal 9  luglio 2019.

Lo straniero è stato posto in stato di arresto da parte degli operatori della Polizia di Frontiera per la violazione dell’art. 13 comma 13 del D.Lgs 286/9.